Verso la fine del 2019 vogliamo dare un occhio alle Tendenze SEO nel 2020.

Partiamo dalle basi: Search Engine Optimization (SEO) è l’insieme delle best practice che può portare alla crescita in ordine di visibilità sulla SERP.

Una SEO fatta nel modo giusto può portare a
– un posto in classifica più alto nella SERP
– più traffico organico verso il tuo sito web
– aumento del tasso di conversione dei clienti e quindi più profitto.

Non farti ingannare dal facile profitto. La SEO non è affatto semplice perchè richiede tempo e sforzi nel lingo periodo per ottenere risultati. Certo anche l’età del tuo sito web ne costruisce l’autorità ma ci sono molteplici fattori che vanno in campo quando si parla di ricerca. L’algoritmo di Google cambia centinaia di volte durante l’anno tuttavia, alcuni esperti di marketing, hanno stilato una lista delle cose che funzionano e cosa evitare per essere tra i primi posti di ricerca.

Per linee guida principali, ricorda che Google favorisce di far vedere tra i primi risultati:
– contenuti di qualità
– contenuti visivi ottimizzati per i dispositivi mobili
– tempo di caricamento rapido
– contenuti ben scritti e strutturati internamente
– una rete di backlink con pagine che puntano ad altre

Ecco quindi una nostra personale lista delle tendenze SEO che saranno cruciali (anche) nel 2020. Se non sei ancora sicuro di quanto la SEO possa aiutare la tua azienda a crescere ti consigliamo di continuare nella lettura di questo articolo.

Tendenze SEO nel 2020

LOCAL SEO

Un aumento della tendenza all’utilizzo di dispositivi mobile porta ad una maggiore affluenza dell’utilizzo di Local SEO. A maggior ragione per le aziende, essere nella prima pagina della SERP, sarà sempre più vitale per avere un maggiore traffico. Secondo uno studio, i tre quarti delle persone non supera la prima pagina della SERP.

Quindi associa quanto prima la tua attività commerciale a una sede costruendo credibilità nella comunità. Inizia segnalando l’attività a Google e offrendo le maggiori informazioni possibili come indirizzo del tuo sito web, dove operi e con quali servizi e gli orari.
Scegli come parola chiave la tua posizione anche per quanto riguarda i contenuti che crei per la seo. Ad esempio sei una gelateria di Firenze, potresti scrivere “gelateria artigianale Firenze”. Altro passo importante è nel porre attenzione alla SEO off-page che comprende tutte quelle operazioni che compi con social media, recensioni di Google, testimonianze esterne e backlink. Sfrutta al massimo queste sezioni per avere una maggiore visibilità.

SEO OFF PAGE

Comprende tutto quello che puoi fare fuori dal tuo sito web per aumentare la tua classificazione. Uno degli elementi più importanti al momento sono le recensioni: incoraggiare e incentivare i nostri clienti a lasciare recensioni deve essere un elemento su cui porre attenzione se vuoi avere successo con la tua attività.

Un’altra forma di SEO off page è nella gestione degli account social: i tuoi profili devono essere attivi con post interessanti e di coinvolgimento e con informazioni commerciali corrette.

Alto elemento importante della SEO off page è la creazione di backlink che sono tutti gli altri link esterni alla tua pagina ma che rimandano ad essa. Questo, per i motori di Google, segna un forte senso di credibilità. Se siti esterni puntano verso il tuo sito allora questo è ritenuto importante e con contenuti all’altezza che è quello che richiede Google.

KEYWORDS

La ricerca di parole chiave adeguate è un lavoro cruciale nella realizzazione della tua strategia SEO.
Pensa sopratutto alle famose “parole chiave a coda lunga“. Queste hanno una differenza evidente di specificità che costituiscono la maggior parte delle ricerche degli utenti. Questo sopratutto dopo l’aumento della ricerca vocale da parte delle persone.
Analizza al massimo la tua nicchia e cosa fanno i tuoi concorrenti.
Riuscire a catturare le parole chiave a coda lunga più rilevanti per la tua attività sarà in grado di produrre un maggior numero di lead e quindi di vendite.

MOBILE FIRST

La cifra approssimativa che fino allo scorso anno voleva che quasi la metà del traffico internet proveniva da dispositivi mobili, quest’anno è di molto salita. Ecco perchè in questa direzione si è mosso anche l’algoritmo di Google che si è indirizzato all’indicizzazione mobile-first. Come? Indicizzando e privilegiando i siti che funzionano meglio in quanto a visualizzazione sui dispositivi mobile.
Penalizzati i siti che hanno una minore velocità di caricamento, immagini non ridimensionate e difficoltà di lettura.

CREA DELLE KEYWORD TREES

google sta nel tempo migliorando le sue ricerche per trovare contenuti che siano approfonditi e più ricchi possibile. Questo perchè l’algoritmo diventa sempre più intelligente e invece di eseguire la scansione per parola chiave, rileva la presenza di parole chiave correlate che vengono utilizzate insieme a quella principale. Questo indica ai motori di ricerca la conoscenza approfondita del tema e ti permetterà di essere in risalto su altri.

Tendenze SEO nel 2020

RICERCA VOCALE

Avevamo già anticipato qualcosa precedentemente ma la ricerca vocale è diventata sempre più popolare. Ecco perchè devi sapere come gestirla al meglio per la creazione dei tuoi contenuti SEO.

Le ricerche vocali nel 2019 sono diventate 2 su 5 del totale. Un numero altissimo che deve far indirizzare la tua attenzione verso questo fattore. Pensa sempre che nel metodo di ricerca di questo tipo vanno privilegiate le parole chiave a coda lunga (di cui abbiamo parlato sopra).

Conclusioni sulle tendenze SEO nel 2020

Rimanere al passo con i tempi e con gli aggiornamenti di algoritmo è il primo passo per aggiudicarti i migliori posti nella classifica della SERP. Utilizza anche i giusti plugin interni al tuo sito WordPress per non commettere errori (ne abbiamo parlato qui). La SEO è da sempre un punto dolente di molte aziende. Ma non lasciare che questa sia un impedimento alla tua crescita anzi approfitta più possibile dei suoi sviluppi per non rimanere indietro.

Questo di seguito un interessante grafico che riassume tutto quello che ci siamo detti fino a qui (puoi leggere l’articolo a questo link)

seo
seo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *